lunedì 23 aprile 2012

sul M.Forcellone (2030mt)- Mainarde-itinerario

Partenza: Prati di Mezzo(Picinisco)- durata a/r 5h



Purtroppo quella che vi racconto oggi  è soltanto il tentativo di arrivare sulla vetta del Forcellone , sfumato ad un passo dalla meta per le condizioni meteo diventate proibitive “causa nebbia”.

Abbiamo dovuto lasciar perdere a quota 1900 dopo che avevamo già affrontato la 1° parte dell’ascesa della vetta.
 A volte però è meglio dire basta, e così, a nostro malincuore, abbiamo fatto.
Comunque le condizioni metereologiche hanno reso l’atmosfera della nostra camminata molto affascinante, che a fine giornata, diciamo così ci ha anche lasciato il ricordino (visti i nostri volti completamente ustionati,dalla miscela esplosiva… sole-neve-vento).


Il Sentiero per M.Forcellone è fino a Fonte Fredda lo stesso che vi ho indicato per monte  M. Cavallo.










Da Fonte Fredda abbiamo risalito fino alla Sella di Prato Piano (q. 1827 m), posta tra il M. Forcellone ed il vicino M. Cavallo.





Qui la nebbia giù avvolgeva la vetta, ma abbiamo deciso, almeno per il momento di andare avanti.

Abbiamo risalito verso destra lungo l’ampio crinale senza percorso obbligato, lasciandoci sulla destra la poco evidente cima del M. Predicopeglia.

Abbiamo raggiunto una piccola conca (almeno così sembrava). Da qui teoricamente,in condizioni normali  avremmo dovuto già intravedere la sommità del Forcellone, ma…niente da fare.



Impossibile, specialmente per noi 2 che qui,non  eravamo mai saliti.
Così abbiamo, saggiamente , deciso di raggiungere nuovamente giù a Fonte Fredda e pranzare




 per poi scendere a valle.



 VIDEO>















martedì 3 aprile 2012

Monte Cavallo – 2039mt (Mainarde) - itinerario

Durata escursione 6h a/r
Come  prima uscita del mese abbiamo scelto Monte Cavallo,2039mt.  Era da qualche settimana che era in programma, e quindi alla prima occasione non ce la siamo fatta sfuggire.





Partiti da Prati di mezzo 1400mt (Picinisco), abbiamo percorso tutto il pianoro fino al 1° skilift.  


Da qui abbiamo raggiunto il 2°  skilift percorrendo la pista di sci.


Ci siamo lasciati lo skilift alle spalle, visto che abbiamo imboccato a sinistra superando una sella per arrivare ad un magnifico pianoro.
Qui il sentiero, è stato facile  da seguire, perché coincideva praticamente con il ruscello che arrivava fino ai piedi del Cavallo dove c’è la sorgente che sgorga ai piedi di un grande masso (fonte Fredda)


Abbiamo percorso tutta la valle, mantenendoci tra la  Costa della Cicogna,a sinistra, e M. Predicopeglia,a destra





,( man mano che si sale di quota si vede anche,sulla sx, maestoso il Monte Meta )



Abbiamo raggiunto  Fonte Fredda, anche se l’ingresso della sorgente era completamente coperto dalla neve( ci siamo dovuti  accontentare di vedere l’acqua  uscire da sotto la neve).


da qui il nostro cammino si  è fatto più impegnativo.
Abbiamo raggiunto la vetta scegliendo il percorso che piega a sinistra raggiungendo prima la sella del Monte Cavallo e poi la cima .Abbiamo affrontato   quest’ultima fase della salita con alle nostre spalle il Monte Predicopeglia e il Monte Forcellone, oltre la bellissima valle appena percorsa…





L’ultimo pezzo è stato molto impegnativo, ma affascinate perché affrontato con le condizioni metereologiche che cambiavano in continuazione, con vento e nebbia, oltre che con vaste zone di neve e ghiaccio presenti in alcuni punti critici (almeno per noi).






Il resto lo vedete voi… tutto ok, e naturalmente alla fine ci siamo goduti (non il panorama…vista la nebbia)… come al solito, in nostro meritato riposino  con spuntino “abbondante”.










Per il ritorno a valle, abbiamo scelto l’altro versante, perché all’apparenza meno impegnativo, ed abbiamo ripreso la traccia dell’andata a fonte Fredda.












Una bella escursione …  Torneremo presto in zona , magari  per raggiungere M. Forcellone

alcuni Video: