mercoledì 20 dicembre 2017

Escursione sul M. Pratello, 2058mt (PNLAM)

Escursione sul M. Pratello, 2058mt (PNLAM)
11Km - 5h - A/R

Lo scorso inverno , causa delle pessime condizioni meteo, con Luca avevamo desistito a raggiungere  il M. Pratello (2058mt) arrivando con fatica  su Cima delle Gravare di Sotto (2087mt) ed infine sulla vetta delle Toppe del Tesoro(2140mt).
Non potevamo quindi non prenderci la rivincita, ancora una volta insieme, ed alla prima occasione ci siamo dati l'appuntamento a Rivisondoli.
Per rendere più interessante l'escursione  abbiamo scelto un simpatico giro ad anello che ci ha permesso di toccare anche un'altra vetta, Serra del Feudo (1843mt).
bravi e fortunati questa volta a leggere bene le previsioni meteo!!!




Ma passiamo subito al racconto fotografico della giornata...


Iniziamo la risalita delle piste di sci per il vallone del Pratello, entusiasti per il meteo che ci ha dato ragione...


saliamo tranquillamente fin sotto l'attacco finale alla vetta...



alle nostre spalle il Rotella e Porrara...


in quota c'è tanto vento, lo sapevamo, montati i ramponi , un buon thè caldo e via...


attacchiamo la vetta  puntando la sella all'arrivo degli impianti...







raggiungiamo la vetta dopo 1h45mt, c'è un vento fortissimo!!!


Scenario favoloso, dalla vetta delle Toppe del Tesoro al Greco, alla cresta de Chiarano...






In vetta è impossibile fermarsi...




scattiamo l'immancabile foto di vetta  e via...






ci fermeremo più in basso a mangiare e bere qualcosa di caldo...



Porrara, Rotella e Maiella completamente imbiancata...





...scendendo in direzione NO, decidiamo di puntare alla vetta davanti a noi, Serra del Feudo(1843mt)





il meteo comincia a cambiare, nuvoloni si dirigono verso di noi...






raggiungiamo in breve tempo la vetta, molto panoramica...






ed iniziamo subito la discesa...



diretti in primis al Rifugio il Prato, dove ci fermiamo nuovamente per un piccolo spuntino...



continuiamo nuovamente la discesa in direzione SE, raggiungendo nuovamente le piste da sci...


e proprio all'inizio di una fitta nevicata, siamo al calduccio... birretta è caffè...


e via, si riparte!!! 


Alla prossima Luca !!!

by nuvolachedanza



martedì 12 dicembre 2017

Tentantivo salita M. Morrone,2061mt (Maiella)

Tentantivo salita M. Morrone,2061mt (Maiella)
11Km - 4h40m A/R

Le previsioni meteo d'altronde ci davano quasi spacciati ovunque,ma quel "quasi" ci è bastato a farci partire ugualmente, questa volta insieme a Vincenzo e Marco,  un' alzataccia in direzione Maiella.
Il Morrone e Mucchia di Pacentro, 2 vette sicuramente facili da raggiungere in estate, tutt'altra storia in inverno con la neve fin dall'inizio del sentiero. Ne eravamo consapevoli e siamo partiti decisi, ma nulla abbiamo potuto una volta in quota, contro il vento fortissimo e la nebbia fittissima, che ci hanno fatto desistere nei pressi del rifugio Iaccio della Madonna (quota  1800mt). 
In ogni caso, gran bella avventura insieme ai miei compagni, escursione molto impegnativa che non poteva che terminare con un ottimo 3° tempo a Roccacaramanico.




Ma iniziamo subito con il racconto fotografico della giornata...


Lasciata l'auto all'ingresso di Roccacaramanico ci siamo incamminati lungo la sterrata che ci ha condotto fino al vecchio cimitero...


continuiamo sulla sterrata in direzione NO per circa 2km...


... alle nostre spalle le nuvole coprono il M. Rapina...


(sentiero Q7)



lungo il sentiero ancora i segni di vecchie valanghe...


..iniziamo la risalita del bosco fiancheggiando la Rava del Confine,
direz. SO (sentiero S)...




a 1400mt circa un traverso, ci mette in apprensione...


ma lo superiamo facendo attenzione...





... all'uscita del bosco il vento aumenta, la nebbia aumenta e ci avvolge... noi erroneamente continuiamo a salire allontanandoci dal sentiero...

tentiamo di arrivare ugualmente al rifugio Iaccio della Madonna, poco piu' su...


arriviamo ad una selletta a quota 1850mt, il rifugio si concede per pochi secondiai nostri occhi...



Inutile tentare di raggiungerlo senza visibilità e fuori sentiero, torniamo indietro!













raggiungiamo nuovamente il traverso che però questa volta superiamo agevolmente, la neve non è più ghiacciata e tiene benissimo...



eccoci nuovamente alla sterrata che ci condurrà direttamente...




a Roccacaramanico...






e al meritatissimo 3° tempo !!!




Alla prossima!!!

by nuvolachedanza